sponsorizzato

Quali segnali danno le difese immunitarie basse?

Alcuni segnali possono fare da spia per un indebolimento del sistema immunitario. Cosa fare?

sintomi difese immunitarie basse

Sommario
    Tempo di lettura Tempo di lettura terminato
    0
    Time

    Come funziona il sistema immunitario?

    Il nostro sistema immunitario è un meccanismo che lavora attraverso cellule, tessuti e organi per difenderci dalle infezioni e dalle sostanze nocive. Quando il nostro sistema immunitario funziona correttamente, è in grado di riconoscere le cellule del corpo e distinguere quelle estranee. Se c’è un’infezione o una minaccia, il sistema immunitario produce anticorpi specifici che riconoscono e attaccano l’agente patogeno.

    La reazione ai microrganismi estranei si basa su due risposte:

    • la risposta immunitaria innata
    • la risposta immunitaria acquisita

    La prima è aspecifica e vi fanno parte barriere come pelle, muco e sudore; la seconda è specifica e migliora con il tempo grazie a una forma di memoria che si sviluppa dall’incontro con i patogeni. Un sistema immunitario debole non può funzionare allo stesso modo e ci rende più vulnerabili alle infezioni e alle malattie.

    Come capire se le difese immunitarie sono basse

    Una condizione di difese immunitarie basse può manifestarsi con alcuni segni, variabili da persona e persona. Non si tratta esattamente di sintomi specifici, che invece possono essere correlati anche a determinate patologie, ma piuttosto di alcuni segnali da tenere d’occhio. Questi includono:

    • affaticamento e sensazione di debolezza
    • dolori articolari
    • infezioni ricorrenti
    • comparsa di herpes labiale
    • proliferazione della Candida
    • frequenti mal di gola e raffreddori
    • reazioni cutanee
    • pelle secca
    • problemi digestivi e intestinali
    • difficoltà a concentrarsi
    • perdita di capelli
    • necessità di molto tempo per guarire dalle infezioni

    Che esami si fanno per vedere le difese immunitarie?

    Per verificare se le difese immunitarie sono indebolite, è necessario eseguire alcuni specifici esami di laboratorio. Il più comune comprende una serie di test per rilevare le concentrazioni di vari tipi di globuli bianchi e altri elementi presenti nel sangue. Inoltre, il medico può prescrivere un test chiamato conta dei linfociti, che misura la quantità di una particolare sottoclasse di globuli bianchi chiamati appunto linfociti. Infine, un ulteriore test è la determinazione delle immunoglobuline (Ig), che misura la presenza nel sangue di una particolare classe di anticorpi. Tutte queste analisi sono utili per stabilire se il sistema immunitario è in salute e possono aiutare a diagnosticare patologie come l’infezione da HIV, i disturbi autoimmuni e altre patologie correlate all’immunodeficienza.

    Cosa causa l’indebolimento delle difese immunitarie?

    Le cause dell’abbassamento delle difese immunitarie possono essere numerose e variano da persona a persona. Un indebolimento del sistema immunitario può essere legato a determinate condizioni mediche, farmaci o carenze nutrizionali. Per esempio, potrebbero essere necessari alcuni cambiamenti nello stile di vita, come fare regolarmente attività fisica, ridurre lo stress, dormire abbastanza ore a notte e mangiare alimenti ricchi di vitamine e minerali.

    Un’altra delle principali cause è l’invecchiamento, poiché con l’età le nostre difese immunitarie tendono a diminuire. Altri fattori che possono ridurre le difese immunitarie includono l’esposizione a sostanze chimiche tossiche, l’abuso di alcool e di droghe, il fumo di sigaretta, alcune malattie croniche come il diabete, determinate condizioni ambientali come l’esposizione ai raggi UV. Anche l’assunzione di farmaci come i cortisonici o i farmaci chemioterapici può indebolire le nostre difese immunitarie.

    Cosa prendere per le difese immunitarie basse

    Per rafforzare il sistema immunitario è importante seguire una dieta equilibrata che comprenda alimenti ricchi di vitamine e minerali. In particolare, è consigliabile assumere alimenti ricchi di vitamina C, come arance, kiwi, peperoni e fragole, ma anche quelli che apportano vitamina A (come i latticini) e vitamina E, come la frutta secca. Ci sono anche alcuni integratori alimentari che possono essere utili per sostenere le difese immunitarie: sono a base di vitamine, sali minerali o prodotti naturali e possono comprendere anche sostanze antiossidanti. Infine, può aiutare assumere probiotici per tenere in equilibrio l’intestino, organo particolarmente coinvolto nella difesa del nostro organismo.

    Lascia il tuo commento

    Non verrà mostrata nei commenti
    A Good Magazine - Newsletter
    è il contenuto che ti fa bene! Resta aggiornato sulle malattie digitali

    Ho letto e accetto le condizioni di privacy