Come il digitale sta cambiando il rapporto tra farmaceutiche e pazienti

Ormai tutti i settori hanno subito una rivoluzione digitale e le aziende farmaceutiche non sono da meno. Assistenza su misura e terapie più efficaci sono solo alcuni dei risvolti positivi.

donna-con-cellulare

Sommario
    Tempo di lettura Tempo di lettura terminato
    0
    Time

    Il Digital Marketing Institute ha pubblicato un articolo sull’impatto del digital marketing nel mondo della farmaceutica e della sanità. Tutti i settori hanno sicuramente subito una assoluta rivoluzione con l’introduzione del digitale a tutti i livelli, specialmente in quello finale, nel rapporto con il potenziale cliente. Nell’articolo si fa notare come tale trasformazione non abbia lasciato indenne alcun industria, compresa appunto quella farmaceutica. Ma in che modo questa è toccata da tale inevitabile trasformazione?

    Una ricerca del Deloitte Centre for Health Solutions ha evidenziato come la popolazione statunitense adoperi ormai il proprio smartphone non solo per ottenere informazioni generiche, ma anche per prendersi cura della propria persona: i dati dicono che almeno il 70% intervistati ha dichiarato di utilizzare un’app sul proprio dispositivo per gestire il suo stato di salute. Si tratta solamente di una delle dimostrazioni che indica alle farmaceutiche una strada ideale da prendere per poter stare al passo con i tempi e modificare il loro rapporto con i pazienti.

    Come cambiano esattamente le dinamiche tra farmaceutica e clienti? Il Digital Marketing Institute, basandosi principalmente su un testo pubblicato da McKinsey, individua almeno 5 modalità.

    L’efficacia di una terapia si misura (anche) online

    L’utilizzo di applicazioni per la salute e il benessere e la possibilità degli utenti di confrontarsi online con altri pazienti generano una quantità di informazioni che possono essere utili agli esperti. Attraverso la loro analisi, vengono raccolti dati concreti che misurano l’efficacia di un determinato farmaco o terapia. Il consiglio che viene dall’articolo di McKinsey è quello di sfruttare questo flusso di dati a proprio favore in maniera tale da rimanere sempre una fonte autorevole sul funzionamento dei propri prodotti, a maggior ragione per il fatto che solamente il 30% degli utilizzatori si dichiara convinto dell’affidabilità delle app farmaceutiche.

    Il digitale aiuta a comunicare i dati in maniera semplice

    Nell’ottica di mettere il paziente al centro, per un’azienda farmaceutica dare informazioni sui risultati e sulla ricerca è fondamentale. Non basta però pubblicare dati che per come sono raccolti sono leggibili esclusivamente alla cerchia degli esperti del settore: per renderli fruibili da un pubblico più ampio può venire in aiuto il digitale, in particolar modo con la data visualization, che rielabora le informazioni in forma grafica.

    Il paziente si sente più coinvolto nelle scelte riguardanti la propria salute

    Grazie alla possibilità di avere accesso a un universo di risorse online riguardanti la salute, i pazienti si sentono più partecipi del loro stato e percepiscono di avere un ruolo attivo nella cura di se stessi: secondo una ricerca IPSOS del 2015 sono in più dell’85% ad avere questa sensazione. Per l’industria farmaceutica non può non essere un punto a proprio vantaggio, vista la possibilità di intercettare e raggiungere questi potenziali clienti online proprio mentre cercano una via per migliorare il proprio stato di salute.

    Il digitale può aumentare il numero di touchpoint paziente-azienda

    Sempre più, l’assistenza medica sarà virtuale e capace di essere attiva 24 ore su 24 ogni giorno della settimana, con un coinvolgimento nello stato di salute del paziente che toccherà molti professionisti. In questa rete, che genera senza dubbio un bagaglio di informazioni condivise, può e deve inserirsi anche la farmaceutica, diventando parte integrante di questo processo di attenzioni verso l’utente finale, senza limitarsi esclusivamente a fornire un prodotto. La chiave per riuscire a entrare in questo tessuto è, secondo il Digital Marketing Institute, la personalizzazione, che permette di andare incontro ai bisogni specifici del paziente.

    Più efficienza nei processi e sviluppo di farmaci

    Le nuove tecnologie permettono di ottimizzare i processi produttivi, un risultato che è benefico sia per le aziende che, naturalmente, per l’utente finale. Con il digitale, infatti, è molto più semplice, per esempio, far circolare in tempo reale le informazioni che provengono sia dalla sperimentazione che dai pazienti stessi: tali risorse possono poi essere impiegate per comprendere il funzionamento di un farmaco, migliorarne la qualità e ridurre gli effetti indesiderati. Nell’ottica di questa condivisione di informazioni, diventa poi necessario restituire al paziente un report sulle prestazioni sempre più trasparente, per far sì che questo le incontri nel momento in cui cerca notizie scientifiche online sulle terapie che segue.

    In conclusione, il digitale, oltre a modificare il rapporto tra la farmaceutica e il paziente si rivela un’effettiva opportunità per l’industria. Se le aziende riescono ad adattarsi alla trasformazione, potranno adoperare strategie di marketing non solo coinvolgendo il paziente, ma addirittura mettendolo al centro.

    In questo articolo scoprite quali sono le opportunità digital per le pharma.

    Lascia il tuo commento

    Non verrà mostrata nei commenti
    A Good Magazine - Newsletter
    è il contenuto che ti fa bene! Resta aggiornato sulle malattie digitali

    Ho letto e accetto le condizioni di privacy