I risultati sull’HIV nella Repubblica Democratica del Congo danno speranza per una cura

Gli scienziati affermano che la scoperta di un folto gruppo di persone i cui corpi controllano naturalmente l’HIV senza assumere farmaci fa sperare in una possibile cura.

Nuovi studi hiv in congo

Sommario
    Tempo di lettura Tempo di lettura terminato
    0
    Time

    Lo studio ha rilevato che ben il 4% dei portatori di HIV nella Repubblica Democratica del Congo è stato in grado di sopprimere il virus. In genere meno dell’1% delle persone con HIV è in grado di farlo. Questo dato potrebbe servire come trampolino di lancio per ulteriori ricerche che avranno l’obiettivo di sviluppare un vaccino o nuovi trattamenti in grado di combattere il virus che causa l’AIDS.

    ‘Quando abbiamo iniziato a vedere i dati provenienti dallo studio siamo rimasti sorpresi, ma eravamo anche euforici’, ha detto alla BBC Mary Rodgers, lo scienziato capo dello studio. ‘Questo potrebbe significare che si tratta di qualcosa che possiamo effettivamente curare’, ha detto.

    I risultati, pubblicati su eBioMedicine che fa parte della famiglia di riviste mediche The Lancet, si basano sull’esame di campioni presi da persone che hanno convissuto (e ancora convivono) con l’HIV tra 1987 e il 2019. Il team comprendeva scienziati della società farmaceutica Abbott, dell’Université Protestante au Congo, della John Hopkins, dell’Istituto nazionale statunitense di allergie e malattie infettive e dell’Università  del Missouri – Kansas City.

    Il dottor Rodgers, capo del programma globale di sorveglianza virale di Abbott, ha affermato che il gruppo della Repubblica Democratica del Congo è stato il più grande scoperto in un paese – tra il 2,7% e il 4,3%. Un altro 1% delle persone che vivono con l’HIV in Camerun ha dimostrato di saper tenere sotto controllo il virus senza farmaci. ‘Si tratta di qualcosa di mai visto, in genere troviamo meno dell’1% di tutte le persone con HIV che sono in grado di sopprimere il virus in modo naturale’.

    Attualmente la maggior parte delle persone affette da HIV deve assumere quotidianamente farmaci antiretrovirali per sopprimere il virus e ridurre la carica virale. Non è ancora noto come i cosiddetti “elite controller” scoperti nella Repubblica Democratica del Congo siano in grado di sopprimere la loro infezione da HIV. Ma il dottor Rodgers ha detto che capire come il gruppo sia stato in grado di mantenere una carica virale bassa o non rilevabile sarebbe fondamentale per controllare il virus. Tuttavia ha sottolineato la necessità  di ulteriori ricerche, indicando al contempo studi precedenti che hanno dimostrato che questo gruppo di persone perde potenzialmente la propria protezione con il progredire della malattia.

    L’HIV è arrivato all’attenzione mondiale negli anni ’80. Da allora ha infettato 76 milioni di persone e 38 milioni di persone convivono con il virus, dice Abbott. Si ritiene che abbia avuto origine in quella che oggi è la Repubblica Democratica del Congo un secolo fa, e oggi l’HIV colpisce in modo sproporzionato le donne nell’Africa subsahariana.

    Qui il testo in lingua originale.

    Lascia il tuo commento

    Non verrà mostrata nei commenti
    A Good Magazine - Newsletter
    è il contenuto che ti fa bene! Resta aggiornato sulle malattie digitali

    Ho letto e accetto le condizioni di privacy