Tumori: scoperte le barriere anti-metastasi

La notizia è di pochi giorni fa e lo studio pubblicato su ‘Nature Cell Biology’ fa ben sperare. Protagonisti alcuni fattori meccanici scoperti dall’Università Statale di Milano che agendo come ‘scudo’ sarebbero in grado di controllare la migrazione cellulare

Scoperte barriere anti metastasi

Sommario
    Tempo di lettura Tempo di lettura terminato
    0
    Time

    Una barriera naturale contro le metastasi. La notizia è di pochi giorni fa e lo studio pubblicato su ‘Nature Cell Biology’ fa ben sperare.  Protagonisti alcuni fattori meccanici scoperti dall’Università Statale di Milano che agendo come ‘scudo’ alle metastasi, sarebbero in grado di controllare la migrazione cellulare capace di far ammalare diversi organi.

    Lo studio

    In campo i ricercatori del Center for Complexity and Biosystems (Cc&b) dell’ateneo di Milano insieme a collaboratori internazionali dell’università Radboud di Nijmagen (Nimega, Olanda) e delle università di Lipsia e Dresda (Germania).
    Gli studiosi hanno dimostrato che in particolare nel cancro al seno, la migrazione cellulare può essere controllata da una serie di fattori fisici e biochimici che contribuiscono alla diffusione del carcinoma.
    Per identificarli è stata necessaria la combinazione di esperimenti in vitro, in sferoidi 3D e in vivo nei topi, con l’analisi quantitativa delle immagini e modelli computazionali.

    Il risultato

    Un ruolo fondamentale nella diffusione delle cellule tumorali dipende dalla molecola di adesione ‘E-caderina’.
    La scoperta ha permesso di capire che cambiando la densità della matrice di collagene che circonda le cellule, è possibile modificare la modalità di migrazione delle cellule e quindi evitare che il tumore si espanda.

    Lotta al carcinoma

    Lo studio appena pubblicato sulla rivista scientifica ‘Nature Cell Biology’ è un altro punto messo a segno per quanto riguarda la lotta ai tumori.  Su ‘A good Magazine’ abbiamo parlato anche dell’algoritmo che permette di prevedere il rischio individuale di metastasi per le donne con tumore al seno.
    Questa scoperta nata dalla collaborazione tra matematici e clinici, è stata fatta nell’ambito del Programma di Novel Diagnosis dell’Istituto Europeo di Oncologia (leo) di Milano. Il nuovo modello prende in considerazione la combinazione di dati genetici e clinici e permette di orientare gli oncologi nella scelta della terapia personalizzata.

    Cosa sono le metastasi?

    Purtroppo un tumore maligno può diffondersi in una o più sedi diverse da quella dove ha avuto origine.
    La cellule tumorali che crescono in modo incontrollato e si distaccano dalla massa iniziale impiantandosi in diversi organi o tessuti, prendono il nome di metastasi. E’ proprio nei nuovi organi attaccati che si formano le neoplastiche secondarie.
    La diffusione può avvenire attraverso il flusso sanguigno o il sistema linfatico.

    Prevenzione

    È il primo passo per prendere in tempo qualsiasi tipo di tumore ed evitare di incorrere in una degenerazione.
    Tenere sotto controllo il nostro stato fisico con un check up frequente è il primo modo per combattere l’insorgenza di malattie o il degenerare di patologie più gravi.Ecco quali sono i controlli che non dovrebbero mai mancare nell’agenda:

    Un check up annuale per lui? Una buona abitudine!

    Un check up annuale per lei? Una buona abitudine!

     

     

    Fonti

    Lascia il tuo commento

    Non verrà mostrata nei commenti
    A Good Magazine - Newsletter
    è il contenuto che ti fa bene! Resta aggiornato sulle malattie digitali

    Ho letto e accetto le condizioni di privacy