Perché potremmo non avere un vaccino contro il coronavirus

I politici sono diventati più cauti sulle prospettive di immunizzazione. Hanno ragione a esserlo.

vaccino-coronavirus-covid-19

Photograph: Sean Elias/PA

Sommario
    Tempo di lettura Tempo di lettura terminato
    0
    Time

    La battaglia contro il coronavirus è ancora in corso e anche se le misure restrittive iniziali sono state allentate, la strada è ancora lunga. Arrivare ad avere un vaccino non sarà semplice e noi ve abbiamo parlato anche qua. Vi riportiamo di seguito la traduzione integrale di un articolo sull’argomento, uscito il 22 maggio 2020 sulla versione online del britannico ‘The Guardian’.

     

    Sarebbe difficile sopravvalutare l’importanza di sviluppare un vaccino per la Sars-Cov-2 – visto come la via più veloce per tornare alla vita normale. Ecco perché il Segretario alla Salute, Matt Hancock, ha affermato che il Regno Unito “ci sta investendo ogni risorsa.”

    Ma mentre le sperimentazioni sono state lanciate e gli accordi di produzione già firmati – la Oxford University sta reclutando 10.000 volontari per la prossima fase della sua ricerca – i ministri e i loro consulenti sono diventati notevolmente più cauti negli ultimi giorni.Ecco perché.

    PERCHÉ UN VACCINO POTREBBE FALLIRE?

    All’inizio di questa settimana, il vice capo ufficiale medico inglese Jonathan Van-Tam ha pronunciato le parole che nessuno voleva sentire: “Non possiamo essere sicuri di trovare un vaccino.”

    Ma ha ragione ad essere diffidente. 

    I vaccini sono semplici in linea di principio ma complessi nella pratica. Il vaccino ideale protegge dalle infezioni, ne previene la diffusione e lo fa in modo sicuro. Ma nulla di tutto ciò è facilmente realizzabile, come mostrano le tempistiche dei vaccini. 

    Più di 30 anni dopo che gli scienziati hanno isolato l’HIV, il virus che causa l’Aids, non abbiamo un vaccino. Il virus della febbre dengue è stato identificato nel 1943, ma il primo vaccino è stato approvato solo l’anno scorso, e anche oggi, in alcuni casi, peggiora l’infezione. Il vaccino più veloce mai sviluppato è stato quello per la parotite. 

    Ci sono voluti quattro anni.

    Gli scienziati hanno già lavorato ai vaccini contro il coronavirus, quindi non iniziano da zero. Due coronavirus hanno già causato epidemie letali, vale a dire Sars e Mers, e la ricerca sui vaccini è andata avanti per entrambi. Ma nessuno è stato autorizzato, in parte perché Sars si è esaurito e Mers è regionale in Medio Oriente. Le lezioni apprese aiuteranno gli scienziati a creare un vaccino per Sars-Cov-2, ma c’è ancora molto da imparare sul virus. 

    Una delle preoccupazioni principali è che i coronavirus non tendono a innescare un’immunità di lunga durata. Circa un quarto dei comuni raffreddori sono causati dai coronavirus umani, ma la risposta immunitaria svanisce così rapidamente che le persone possono essere reinfettate l’anno successivo. 

    I ricercatori di Oxford dell’Università di Oxford hanno recentemente analizzato il sangue da pazienti Covid-19 guariti e hanno scoperto che i livelli di anticorpi IgG – i responsabili dell’immunità di lunga durata – sono aumentati rapidamente nel primo mese di infezione, ma poi hanno ricominciato a scendere. 

    La scorsa settimana, gli scienziati della Rockefeller University di New York hanno scoperto che la maggior parte delle persone che si sono riprese da Covid-19 senza andare in ospedale non hanno prodotto molti anticorpi killer contro il virus. 

    “Questo è ciò che è particolarmente sfidante”, afferma Stanley Perlman, un veterano ricercatore di coronavirus presso l’Università dello Iowa. “Se l’infezione naturale non ti dà tanta immunità, tranne quando si tratta di un’infezione grave, che cosa farà un vaccino? Potrebbe essere migliore, ma non lo sappiamo.” Se un vaccino protegge solo per un anno, il virus rimarrà con noi per qualche tempo. 

    Anche la stabilità genetica del virus è importante. Alcuni virus, come l’influenza, mutano così rapidamente che gli sviluppatori di vaccini devono rilasciare nuove formulazioni ogni anno. La rapida evoluzione dell’HIV è una delle ragioni principali per cui non esiste un vaccino per la malattia. 

    Finora, il coronavirus di Sars-CoV-2 sembra abbastanza stabile, ma sta acquisendo mutazioni, come fanno tutti i virus. Alcuni cambiamenti genetici sono stati individuati nei “picchi” proteici del virus che sono alla base della maggior parte dei vaccini. Se la proteina spike muta troppo, gli anticorpi prodotti da un vaccino saranno effettivamente obsoleti e potrebbero non legare il virus in modo efficace per prevenire l’infezione. 

    Martin Hibberd, professore di malattie infettive emergenti presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine, che ha contribuito a identificare alcune delle mutazioni del virus, le ha definite “un avvertimento precoce”. 

    UN’ALTRA SFIDA: RENDERE SICURO QUALSIASI VACCINO

    Nella fretta di sviluppare un vaccino – ora ce ne sono più di 100 in fase di sviluppo – la sicurezza deve rimanere una priorità. A differenza dei farmaci sperimentali per i malati gravi, il vaccino verrà somministrato a miliardi di persone generalmente sane. 

    Ciò significa che gli scienziati dovranno controllare con estrema attenzione la presenza di pericolosi effetti collaterali. Durante la ricerca di un vaccino Sars nel 2004, gli scienziati hanno scoperto che un candidato, ha causato l’epatite nei furetti. Un’altra grave preoccupazione è il “potenziamento indotto da anticorpi” in cui gli anticorpi prodotti da un vaccino provocano effettivamente infezioni future peggiori. L’effetto ha causato gravi danni ai polmoni negli animali sottoposti a vaccini sperimentali sia per Sars che per Mers. 

    John McCauley, direttore del Worldwide Influenza Center presso il Francis Crick Institute, afferma che ci vuole tempo per capire le particolari sfide che ogni vaccino solleva. 

    “Non conosci le difficoltà, le difficoltà specifiche, che ogni vaccino ti darà”, dice. “E non abbiamo esperienza nella gestione di questo virus o dei suoi comportamenti.” 

    DOVREMMO “FINIRE CON QUALCOSA” … MA COSA SIGNIFICA?

    Quando il primo ministro, Boris Johnson, disse con un comunicato stampa che un vaccino non era “assolutamente garantito”, il suo principale consigliere scientifico, Patrick Vallance, lo accettò, ma aggiunse: “Sarei sorpreso se non finissimo con qualcosa.” Molti scienziati condivido questa opinione. 

    Con ogni probabilità, un vaccino contro il coronavirus non sarà efficace al 100%.

    Quelli in via di sviluppo si basano su almeno otto approcci diversi, dai virus indeboliti e inattivati alle tecnologie che introducono di nascosto il codice genetico nelle cellule del ricevente, che poi sfornano le proteine di picco per il sistema immunitario per produrre anticorpi.

    Idealmente, un vaccino genererà livelli elevati e persistenti di anticorpi per spazzare via il virus e anche le cellule “T” per distruggere le cellule infette. Ma ogni vaccino è diverso e oggi nessuno sa che tipo di risposta immunitaria sia abbastanza buona. 

    “Non sappiamo nemmeno se un vaccino può produrre una risposta immunitaria in grado di proteggere da future infezioni”, afferma David Heymann, che ha guidato la risposta dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) all’epidemia di Sars. 

    I primi risultati di due vaccini all’avanguardia indicano che potrebbero essere utili. 

    La ditta americana di biotecnologia Moderna ha riportato livelli di anticorpi simili a quelli riscontrati in pazienti guariti in 25 persone che hanno ricevuto il suo vaccino

    Un altro vaccino dell’Università di Oxford non ha impedito alle scimmie di contrarre il virus, ma sembrava prevenire la polmonite, una delle principali cause di morte nei pazienti con coronavirus. 

    Se gli umani reagissero allo stesso modo, le persone vaccinate diffonderebbero comunque il virus, ma con meno probabilità di morire di esso. 

    Quanto bene funziona un vaccino determina come viene utilizzato. Armati di un vaccino altamente efficace che protegge per diversi anni, i paesi potrebbero mirare all’immunità della mandria proteggendo almeno i due terzi della popolazione. 

    I pazienti con coronavirus trasmettono il virus ad altri tre, in media, ma se due o più sono immuni, l’epidemia si spegnerà. Questo è lo scenario migliore. 

    È più probabile che finiremo con un vaccino, o un numero di vaccini, che sono solo parzialmente efficaci. 

    I vaccini che contengono ceppi di virus indeboliti possono essere pericolosi per le persone anziane, ma potrebbero essere somministrati ai giovani con un sistema immunitario più robusto per ridurre la diffusione dell’infezione.

    Nel frattempo, le persone anziane potrebbero ottenere vaccini che semplicemente impediscono alle infezioni di progredire fino alla polmonite potenzialmente letale. “Se non hai la capacità di indurre l’immunità, devi sviluppare una strategia per ridurre i gravi esiti dell’infezione”, afferma McCauley. 

    Ma i vaccini parzialmente efficaci hanno i loro problemi: un vaccino che non blocca la replicazione del virus può favorire l’evoluzione di ceppi resistenti, rendendo il vaccino ridondante. 

    QUINDI IL VIRUS È QUI PER RIMANERE?

    La semplice risposta è: si.

    Le speranze di eliminare il virus iniziano con un vaccino ma non finiscono qui. “Se e quando abbiamo un vaccino, ciò che ottieni non sono arcobaleni e unicorni”, afferma Larry Brilliant, CEO di Pandefense Advisory, che ha guidato il programma di eradicazione del vaiolo dell’OMS. “Se siamo costretti a scegliere un vaccino che fornisce solo un anno di protezione, siamo condannati a far diventare endemica Covid, un’infezione che è sempre con noi.”

    Il virus sarà ancora difficile da conquistare con un vaccino che duri per anni.

    “Sarà più difficile sbarazzarsi di Covid rispetto al vaiolo”, afferma Brilliant. Con il vaiolo era almeno chiaro chi era infetto, mentre le persone con il coronavirus possono diffonderlo senza saperlo. Un problema più spinoso è che finché l’infezione infuria in un paese, tutte le altre nazioni sono a rischio.

    Come David Salisbury, ex direttore delle vaccinazioni presso il Dipartimento della Salute, ha recentemente dichiarato a un webinar di Chatham House: “A meno che non abbiamo un vaccino disponibile in quantità incredibili che potrebbero essere somministrate in maniera straordinariamente rapida in tutte le comunità del mondo, avremo delle lacune nelle nostre difese in cui il virus può continuare a circolare.” 

    O come dice Brilliant, il virus “farà ping-pong andando avanti e indietro nel tempo e nella geografia.”

    Una proposta di Gavi, l’alleanza con i vaccini, è quella di aumentare la disponibilità di vaccini in tutto il mondo attraverso un “impegno di mercato avanzato.” E Brilliant crede che ora debba essere messo a punto un tipo di accordo globale. “Ora dovremmo chiedere una conferenza globale su cosa faremo quando avremo un vaccino o se non lo facciamo”, afferma.

    “Se il processo per ottenere un vaccino, testarlo, dimostrarlo, produrlo, pianificarne la consegna e costruire un programma di vaccini in tutto il mondo, se ciò richiederà il tempo che pensiamo, allora cominciamo a pianificarlo adesso.” 

    COME VIVREMO CON IL VIRUS?

    Le persone dovranno adattarsi e la vita cambierà. Heymann afferma che dovremo abituarci al monitoraggio approfondito delle infezioni supportate dal rapido contenimento delle epidemie. Anche le persone devono fare la loro parte, mantenendo il lavaggio delle mani, l’allontanamento fisico ed evitando le riunioni, in particolare negli spazi chiusi. I farmaci riproposti sono più veloci da testare rispetto ai vaccini, quindi potremmo avere un trattamento antivirale o anticorporale, che funziona prima che sia disponibile di un vaccino, aggiunge. 

    Il trattamento immediato quando si manifestano i sintomi potrebbe almeno ridurre il tasso di mortalità. 

    Yuen Kwok-yung, professore di malattie infettive all’Università di Hong Kong, ha informato il suo governo che tutte le distanze sociali possono essere accorciate ma solo se le persone indossano maschere in spazi chiusi come sui treni e sul lavoro, e se nessun cibo o bevanda vengono consumati ai concerti e nei cinema. 

    Nei ristoranti, i tavoli dovranno essere protetti l’uno dall’altro e il personale di servizio seguirà rigide regole per prevenire la diffusione del virus. “Nella nostra prospettiva di Hong Kong, l’uso diligente e corretto delle maschere riutilizzabili è la misura più importante.”, afferma. 

    Sarita Jane Robinson, una psicologa che studia le risposte alle minacce all’Università del Central Lancashire, afferma che le persone si stanno ancora adattando alla “nuova normalità” e che senza ulteriori interventi – come multe per il mancato uso delle maschere per il viso – “potremmo vedere le persone alla deriva. Un ritorno ai vecchi comportamenti.”

    Potremmo diventare cinici sulle morti di Covid-19 quando la vita riprenderà e i media andranno avanti, ma la gravità della malattia renderà più difficile ignorarle, dice. 

    Un’ultima possibilità potrebbe risolvere molti problemi. Alcuni scienziati si chiedono se i coronavirus del raffreddore comune siano entrati nell’uomo in un lontano passato e abbiano causato malattie simili prima di stabilizzarsi. “Se il virus non cambia, non c’è motivo di pensare miracolosamente che tra cinque anni non causerà ancora polmonite.”, afferma Perlman. “Ma questa è la speranza: che ci ritroviamo con una malattia molto più lieve e tu ne hai solo un brutto raffreddore.” 

    Heymann dice che è troppo presto per sapere come la pandemia si scatenerà. “Non capiamo il destino di questo virus”, afferma. “Continuerà a circolare dopo la sua prima pandemia? O, come alcuni altri virus pandemici, scomparirà o diventerà meno virulento? È questo che sappiamo.” 

    Qui il testo in lingua originale.

    Lascia il tuo commento

    Non verrà mostrata nei commenti
    A Good Magazine - Newsletter
    è il contenuto che ti fa bene! Resta aggiornato sulle malattie digitali

    Ho letto e accetto le condizioni di privacy