Google Interland, un gioco interattivo per insegnare ai bambini la sicurezza online

Il mondo online ha i suoi pro e i suoi contro. Google Interland ricorda ai grandi e, soprattutto, insegna ai più piccoli come sfruttare e cogliere al meglio il potenziale del web, assieme a tutte le risorse che può offrire. Ma occhio a usarlo con consapevolezza!

Google Interland

Sommario
    Tempo di lettura Tempo di lettura terminato
    0
    Time

    Il web e l’interazione: i “mondi” a due facce, tra rischi e vita quotidiana

    I rischi del web sono molteplici. Per i nativi digitali internet è, da sempre, “l’altra realtà costante” (compresente e parallela alla realtà della vita quotidiana) dove si ritrovano certi ruoli, simboli, segni e mediatori, esattamente come accade attraverso le modalità/i meccanismi di interazione ordinaria. 

    Ma cosa succede quando l’esperienza “nel reale quotidiano” viene meno, specie nel periodo della seconda socializzazione (fra pari, a scuola o al parco, al di fuori del nucleo familiare e della famiglia in generale)? I mezzi e gli strumenti a disposizione per assicurarsi di viaggiare online in tutta sicurezza sono, allora, fondamentali. 

    Quali sono le conseguenze di tali rischi e gli effetti che hanno le narrazioni contingenti e le riproduzioni sull’immaginazione, sulle azioni e sui comportamenti adottati nella vita quotidiana?

    La dottoressa Costanza Calvio – psicologa e psicoterapeutaha spiegato quali sono gli altri fattori di rischio come, ad esempio, i videogiochi:

    “E’ già noto come i videogiochi violenti possano dar luogo a comportamenti violenti, asociali, disturbi del sonno e anche perdita di empatia, cioè una vera desensibilizzazione emotiva. Danni gravi che possono portare anche a condizioni di simil autismo, disturbi dell’apprendimento e iperattività. In alcuni casi, in soggetti predisposti, si sono verificati anche casi di epilessia e perdita di coscienza. […] l’85% delle applicazioni comprate negli ultimi anni da e per i bambini siano solo giochi di “comportamentismo”, cioè richiedono di ripetere un’azione in modo automatico e reiterato o di ricordare semplici fatti. Questi compiti semplici e ripetitivi portano ad uno sviluppo neuronale e cognitivo più basso rispetto allo standard medio. Philip Tam, psichiatra dell’università di Sydney, dichiara che le statistiche da loro elaborate vedono moltissimi i ragazzini tra gli 8 e i 14 anni che presenterebbero seri disturbi psicologici provocati proprio dall’utilizzo di questo genere di videogiochi. I segnali possono essere tanti: scarsi risultati scolastici, apatia, forti squilibri, un comportamento asociale, altalenante, ansia, insonnia, scarso autocontrollo con eccessi di rabbia violenta, disturbi ossessivo-compulsivi.
 La prevenzione consiste non solo nell’imporre delle limitazioni all’uso di questi giochi, ma soprattutto, proponendo loro attività diverse in cui l’interazione e il confronto naturale tra coetanei possa invece stimolarli e agevolare la loro crescita in maniera sana”.

    Internet, però, ha anche molti vantaggi, le persone possono decidere come utilizzare tale strumento. Offrire loro una guida è necessario! Come spiegare, allora, ai più piccoli (e non solo!) i pro e i contro del web?

    La risposta sembra essere chiara e lampante: in modo semplice e divertente (ancor meglio se “a colori!”). L’immediatezza della comunicazione è perno del mondo interattivo odierno; comunicare è facile (anche troppo!) e questo può causare molti problemi.

    I principali rischi del web (che poi ritroviamo, nelle loro conseguenze, all’interno della vita quotidiana) sono:

    • cyberbullismo
    • pedofilia e pedopornografia
    • body shaming 
    • revenge porn
    • sextortion
    • truffe informatiche
    • fake news e narrazioni distorte
    • virus e malware
    • danni fisici e psicologici
    • analfabetismo funzionale 
    • codici del linguaggio e incapacità di scrivere correttamente
    • banalizzazioni e semplificazioni della realtà
    • etichette, pregiudizi, stereotipi 

    Finzione e realtà: una correlazione possibile. Benvenuti a Google Interland!

    Google – come metodologia di prevenzione e apprendimento – ha pensato bene di creare un gioco online interattivo, chiamato per l’appunto Google Interland. Rivolto ad una fascia di età che va dai 6 ai 13 anni, questo gioco educativo si pone come obiettivo quello di insegnare “i fondamenti della sicurezza online in modo divertente e coinvolgente”. Il gioco è parte del programma “Vivi Internet, al meglio”, sviluppato con l’idea di aiutare ragazzi, famiglie e insegnanti a imparare a vivere il mondo online in un modo quanto più consapevole e sereno (per sfruttarne al meglio tutti i vantaggi e le potenzialità).

    Di base, è importantissimo istruire bambini e ragazzi a una navigazione consapevole e renderli autonomi nel valutare certi tipi di contenuti, ma ugualmente può essere utile impostare blocchi di sicurezza tramite il parental control sui principali browser e su tutti i dispositivi che si connettono al web. Come funziona il parental control, a cosa serve e come impostarlo te lo spieghiamo in questo articolo. 

    Vediamo a questo punto come funziona Google Interland! In un mondo fantastico, immaginario e dai vivaci colori, Interland ospita ben quattro territori entro i quali i giovani utenti devono fronteggiare:

    • hacker
    • phishing
    • chiacchieroni
    • bulli

    Ma in che modo? Come reagire a certi atteggiamenti minacciosi, a scuola come sul web? In un modo che, forse, potrebbe iscriversi anche nella realtà quotidiana, dove quelle stesse risorse di comprensione e consapevolezza potrebbero rivelarsi utili. Vediamolo più in dettaglio! 

    Si parte! 

    “Ti diamo il benvenuto su Interland, un luogo ricco di sorprese meravigliose ma anche di insidie. Parti all’avventura per imparare a navigare con fiducia nel mondo online” – recita la prima schermata di gioco. 

    Interland: lo strumento-fatto-gioco per apprezzare e cogliere il buono del web (evitando il “cattivo”)

    Attraversando il “Fiume della realtà”, tra reale e finzione, i bambini imparano ad avvistare le trappole del web e a non incorrerci. Giocando a Interland si apprendono i rischi del web (e non solo!) e s’impara a fare attenzione a cosa cliccare, a cosa condividere e con chi. Insomma, tutto per avere un maggiore controllo di sé sul web. Il gioco – ideato e realizzato con l’aiuto di esperti di sviluppo di sicurezza digitale – è adatto a tutte le età! È molto interessante anche per un adulto che non ha ancora acquisito dimestichezza e praticità sul web. Oppure – perché no! – tanto per rinfrescarsi la memoria. Molto spesso, siamo inconsapevoli o talmente abituati a certi “ordigni” del web. E questo, proprio perché – nel mondo odierno, tali meccanismi – sono del tutto normalizzati, istituzionalizzati e legittimati. Ma conosciamo davvero tutto di questo mondo virtuale? Google Interland potrebbe davvero aiutarci!

    I bambini saranno meravigliati dal “Regno cortese”. Un mondo dall’atmosfera incantata, per diffondere gentilezza! Si possono fermare i bulli segnalandoli, bloccandoli (non diventando come loro o ridendo alle loro battute!). Questo è dovuto al fatto che la gentilezza e la cordialità attivano una reazione a catena di belle emozioni. Tutti, allora, con la condivisione e l’educazione reciproca, ci sentiamo meglio: creare comunità (e fare rete) in modo sereno e sicuro è importante, sul web, come nella vita quotidiana.

     

    Fonti

    Lascia il tuo commento

    Non verrà mostrata nei commenti
    A Good Magazine - Newsletter
    è il contenuto che ti fa bene! Resta aggiornato sulle malattie digitali

    Ho letto e accetto le condizioni di privacy