Come ritrovare una tartaruga di terra

Tre semplici accorgimenti per non andare nel panico quando la tartaruga si interra

ritrovare tartaruga terra

Sommario
    Tempo di lettura Tempo di lettura terminato
    0
    Time

    Capiamo, prima di tutto, perché le tartarughe di terra hanno l’abitudine di interrarsi – sembra quasi un gioco di parole. 

    Il benessere di questo piccolo animale ruota attorno a due elementi fondamentali: alimentazione e temperatura corporea.

    La tartaruga di terra è un animale erbivoro, che apprezza particolarmente foglie ed erbe fresche come tarassaco, erba medica, cicoria e radicchio. Alcune volte, la sua dieta arriva fino ai piccoli frutti: fragole, more o mirtilli. Insomma, il cibo della tartaruga si trova tutto sulla superficie terrestre, non deve andare a cercare sotto. 

    Inoltre, la caratteristica fisica principale della tartaruga è il carapace, la corazza dura e resistente posta sua parte superiore del corpo. Quando l’animale avverte pericolo intorno a sé, si ritira dentro il carapace, diventando una specie di sasso quasi impenetrabile. Questo per dire che raramente una tartaruga si interra per paura di qualcosa. 

    Creare il giusto habitat

    A questo punto, rimane solo l’opzione temperatura corporea. Le tartarughe, infatti, sono animali a sangue freddo: risentono molto delle condizioni atmosferiche in cui vivono. Per mantenere la loro temperatura costante, passano la maggior parte del tempo al sole e, quando capiscono di aver incamerato abbastanza calore, si spostano all’ombra.

    I problemi arrivano quando i raggi solari sono troppo forti, o quando la temperatura esterna è troppo alta e la tartaruga non ha modo di ripararsi come dovrebbe. A questo punto, decide di scendere qualche centimetro dentro il terreno, per trovare refrigerio.

    Per ovviare al problema, l’unica soluzione è pensare bene e in anticipo l’habitat in cui facciamo vivere la nostra tartaruga. Decidendo di farla stare all’aperto, dobbiamo fare in modo che la zona in cui farla girare abbia sia una parte al sole sia una parte all’ombra. Se necessario, dotiamo lo spazio di una piccola tettoia apposita. In questo modo, se la tartaruga scompare dalla nostra vista, sappiamo già dove andare a cercare.

    Marcare il terreno

    Una cosa diversa è quando la tartaruga si interra perché è arrivata l’ora di andare in letargo. Quelle che vivono all’aperto, fanno tutto in autonomia: scelgono il punto migliore, scavano mano a mano la buca in cui si rintanano per l’inverno e, una volta arrivata l’ora, si interrano definitivamente.

    In questo caso, chi si prende cura della tartaruga, può posizionare un bastoncino vicino al punto in cui la tartaruga si è creata la buca per il letargo: così, sarà sempre possibile controllare che non le succeda nulla.

    Quando sarà ora del risveglio, in primavera, noteremo muoversi il bastoncino e capiremo che la nostra tartaruga sta tornando in superficie.

    Attirarla con il cibo

    Il trucco più vecchio del mondo: se qualcuno non si fa trovare, bisogna attirarlo con qualcosa che gli interessa. Nel caso della tartaruga di terra, qualora gli accorgimenti presi non siano stati sufficienti e lei si è comunque interrata in modo tale da non farsi trovare, l’unico modo è convincerla a tornare in superficie da sola. Quale esca migliore, allora, di un po’ di foglie fresche da mangiare! Dipendendo da fattori esterni – ovvero, chi la accudisce – per l’alimentazione, la tartaruga interrata a un certo punto avrà bisogno di mangiare. Allora, sentirà l’odore del cibo appoggiato in un punto del suo terrario e si avvicinerà autonomamente.

    Se siamo allevatori attenti, potremo anche prendere nota del punto da cui è uscita fuori: se dovesse decidere di interrarsi di nuovo, quasi sicuramente tornerà in quella zona, che ha caratteristiche a lei confacenti.

    Lascia il tuo commento

    Non verrà mostrata nei commenti
    A Good Magazine - Newsletter
    è il contenuto che ti fa bene! Resta aggiornato sulle malattie digitali

    Ho letto e accetto le condizioni di privacy