Sogni erotici VS Incubi: cosa desiderano e cosa odiano gli italiani?

Inchiesta social sulle preferenze degli italiani sotto le lenzuola: cosa desiderano e cosa, invece, si augurano di non incontrare mai?

sogni vs incubi erotici

Sommario
    Tempo di lettura Tempo di lettura terminato
    0
    Time

    Cominciamo subito con un piccolo spoiler? Certo che sì! In Italia, chi accede a portali hard è per il 70% di sesso maschile, mentre il 30% appartiene all’universo femminile (più avanti approfondiremo questo aspetto).

    I siti porno, come immagino saprai, sono un luogo digitale in cui chiunque può veder materializzarsi davanti ai propri occhi le proprie fantasie erotiche più segrete e soddisfare, in sufficiente misura, le proprie esigenze eccitatorie.

    Visitare siti di pornografia, per alcuni, potrà anche non apparire un modo sano di vivere la propria sessualità (e chissenefrega), ma sicuramente quasi tutti si troveranno d’accordo nell’affermare che rappresentano un compromesso quotidiano accessibile per cercare di godere di tutte quelle fantasie e pulsioni spesso percepite come irraggiungibili.

    Questa considerazione smuove una curiosità: tolti i contenuti dei siti porno (che non tutti apprezzano), gli italiani hanno delle fantasie sessuali che desiderano ardentemente veder realizzate?

    E poi: esiste qualcosa, una sorta di “incubo erotico”, capace di far rabbrividire al solo pensiero e in cui nessuno vorrebbe mai imbattersi?

    Per rispondere a queste domande ci siamo mobilitati con l’ausilio dei social e abbiamo chiesto a dei volontari anonimi di raccontarci cosa li eccita segretamente e cosa invece aborrono (un termine degno del miglior Giampiero Mughini della storia).

    Risultati del sondaggio

    All’inchiesta hanno partecipato 200 volontari (140 uomini e 60 donne) dove, in maniera completamente anonima, hanno raccontato non solo le loro preferenze e fantasie sessuali, ma anche situazioni e pratiche nelle quali non vorrebbero imbattersi mai e poi mai.

    Tutti hanno dichiarato di avere una qualche fantasia sessuale, mentre “solo” un 70% ha affermato di non avere un incubo riguardante la sfera intima.

    Questo potrebbe già essere una prima indicazione utile: gli italiani preferiscono sognare che temere.

    I sogni erotici da perseguire

    “Farlo con due donne, o anche di più. Anche essere sottomesso non mi dispiacerebbe”.

    “Mi piacerebbe essere legata e/o partecipare ad un ménage à trois (con due uomini).”

    Non c’è due senza tre: il noto adagio popolare pare non deludere nemmeno in questo frangente. Infatti, se c’è una fantasia che pare accomunare sia uomini che donne è quella di condividere un partner sessuale con un’altra persona (dello stesso sesso o dell’altro).

    Altro aspetto che sembra congiungere i due generi sessuali è l’interrazialità. A quanto pare, sia uomini che donne vedrebbero al centro delle loro fantasie rapporti sessuali molto spinti con persone appartenenti a gruppi etnici differenti dal proprio (in Italia la maggioranza della popolazione, come sappiamo, è caucasica). Tuttavia ci sono delle differenze qui, poiché molti uomini etero hanno evidenziato una certa predilezione per la popolazione femminile dell’estrema Asia e del sud America, al contrario di uomini omosessuali e donne etero che invece hanno indicato una certa predilezione per le notti all’insegna della trasgressione con un bel rappresentante del continente africano. Per quanto riguarda la popolazione femminile omosessuale purtroppo non abbiamo dati a riguardo, ma saremmo felicissimi di integrare i dati nell’articolo nel caso ce ne pervenissero.

    Altra fantasia estremamente forte tra i rappresentati di qualsiasi sesso e orientamento sessuale è il sesso tra sconosciuti. Una delle fantasie erotiche maggiormente condivise pare infatti essere proprio quella di appartarsi e consumare un rapporto con una persona completamente estranea e mai vista prima (e nemmeno dopo l’atto).

    Passando invece alle differenze di fantasie tra i vari sessi vediamo immediatamente la popolazione femminile proporre una sveltina passionale con il proprio superiore e rincarare la dose ammettendo di aver fantasticato anche su rapporti lesbo con altre donne, molto spesso amiche molto care. Anche l’utilizzo di giocattoli erotici vede le donne molto più interessate rispetto agli uomini. Un dato sorprendente invece vede le donne propense (ma solo a livello di fantasie sessuali a loro dire) a un’ultima notte di passione con il proprio ex e/o addirittura organizzare una cosa a tre con l’attuale compagno e l’ex fidanzato.

    Per gli uomini invece la situazione di maggiore eccitazione la darebbe fare sesso con un/una pornostar. Sia eterosessuali che omosessuali hanno ammesso di aver fantasticato più volte su professioniste/i del mondo hard.

    Anche la componente del sesso “numeroso” pare non passare inosservata: gli uomini etero desidererebbero avere un rapporto con due o più donne contemporaneamente, attività che anche la controparte omosessuale non sembra assolutamente disdegnare. In una fascia di età superiore ai 60 anni fa la comparsa anche il desiderio erotico, in alcuni casi mai soddisfatto, di praticare del sesso anale.

    Inoltre non può mancare, da parte dell’emisfero femminile, una nota di sano esibizionismo, dove il desiderio e l’eccitazione diventano scalpitanti quando poco o niente divide l’atto sessuale da sguardi indiscreti.

    Contenuti bonus: ci sono state alcune risposte che per qualche oscura ragione ho percepito come “particolarmente curiosi”. Non rappresentano statisticamente la maggioranza ma, come accade nei più importanti e rinomati concorsi di vario genere, penso che meritino una “menzione di onore” e sono:

    • fare sesso con dei piedi sporchi (uomo);
    • fare sesso con una donna incinta (uomo);
    • sentirlo bestemmiare mentre viene (donna);
    • farsela fare addosso (non so cosa, non ha specificato, comunque uomo);
    • farlo mentre sua madre gira per casa (donna);
    • farlo con due donne sul bancone del bar in cui lavoro (uomo che a mio avviso dovrebbe rifare da capo il corso per l’HACCP);
    • farlo con due membri della stradale durante un posto di blocco (donna);
    • inc***re il mio ex con uno strap-on (donna in cui penso di percepire un velatissimo senso di rancore).

    Insomma, ce n’è per tutti i gusti e per ogni grado di fantasia.

    Gli incubi erotici da evitare

    “Mi terrorizza l’idea di farmela addosso durante un rapporto anale!”.

    Se è vero che le fantasie erotiche degli italiani sono in grado di andare a comporre un ricco menù di esperienze da realizzare è anche vero che gli inconvenienti legati al sesso o incubi erotici sembrano preoccupare in maniera importante, ma comunque non assoluta: infatti, come anticipato, “solo” il 70% dei partecipanti sembra essere preoccupato di imbattersi in situazioni da incubo.

    Un aspetto che accomuna uomini (il 30% degli intervistati) e donne (il 40% delle intervistate) pare essere la scarsa igiene intima del partner. L’idea di arrivare al dunque e venire “inondati” da odori nauseabondi pare essere una delle cause principali capaci di trasformare un’esperienza gradevole in un terribile incubo.

    Altro aspetto che sembra preoccupare soprattutto il pubblico femminile (circa il 20% delle intervistate) riguarda la “fuga di immagini” relative all’incontro sessuale e la conseguente umiliazione. A tale paura concorre sicuramente la maggiore consapevolezza collettiva sui fenomeni tristemente noti di revenge porn e affini.

    Per i maschi invece, sia etero che omosessuali, sembra trasparire in un 30% dei casi la paura di non essere all’altezza dell’atto sessuale. I problemi di erezione e/o l’eiaculazione precoce appaiono come uno tra gli spauracchi più ricorrenti nella popolazione maschile insieme al terrore di essere inadeguati in fatto di misure del pene.

    Le restanti percentuali si “distribuiscono” su incubi di varia natura che possono andare da “incidenti” legati ai rapporti anali fino a considerazione di natura più psicologica e relazionale: è interessante notare come una percentuale del campione rammenti l’incubo di avere un sogno erotico con protagonista qualcuno che “non dovrebbe trovarsi lì”. L’aspetto pare turbare soprattutto la fazione femminile (circa il 10%) che testimonia di aver provato disagio in passato ad aver letteralmente sognato o fantasticato sul proprio ex compagno o sul migliore amico che “è praticamente come un fratello”. Mentre il “lato maschile” dell’inchiesta sembra meno turbato da tali fantasie, ritenendole involontarie, senza valore e relegate esclusivamente al mondo dei pensieri, senza possibilità né volontà di realizzarle.

    La parola all’esperto: Pornhub

    “Una volta mi sono fatto fare un po***no da due donne amiche e sono venuto quasi immediatamente”.

    Inutile dire che alcune volte la realtà non rispetta le aspettative e se vogliamo in un certo senso additare “qualcuno” per averci fatto volare troppo in alto con la fantasia, di sicuro questo è “il Sig. Pornhub”.

    Inutile presentare Pornhub.com, il sito porno più grande e conosciuto al mondo. Il portale, attraverso la sua costola Pornhub Insights, ricerca e analizza i risultati della piattaforma direttamente con l’ausilio dal team di Pornhub, restituendo report dettagliati ed estremamente esaustivi. Ogni anno vengono raccolti dati da miliardi di visite: il tutto per esplorare le complessità delle visualizzazioni di porno online.

    Perciò, quale luogo virtuale migliore per confrontare i dati da noi raccolti se non Pornhub Insights?
    In fin dei conti, i portali per adulti sembrano essere il mezzo più rapido e semplice per cercare di sfiorare, anche solo con la fantasia, quelli che sono i sogni più intimi e personali.

    dati-pornhub-2019

    Dai dati inerenti al 2019 presentati sul portale è emerso un numero complessivo di visite pari a 42 bilioni in tutto il mondo. In Italia la permanenza sul sito è di circa 10 minuti a sessione di navigazione e circa il 30% degli utenti è rappresentato da donne.

    roma-milano-pornhub-dati

    Addirittura 2 città italiane si sono posizionate nei primi 20 posti come tempo di permanenza sul sito: Roma all’undicesimo posto e Milano al quattordicesimo. Patriottici anche nel porno e attratti dalle belle signore con figli, italiane e italiani sembrano non disdegnare le pratiche anali e i filmati “fai da te”. Una cosa è certa, se ti trovi in queste due città, sostiene Pornhub, “hai maggiori probabilità di vedere video di Bukkake”.

    Questo può più o meno essere uno specchio veritiero di cosa bramano gli internauti nella solitudine della loro camera, ma forse è solo presunzione pensare di svelare le voglie più segrete, confondendo la ricerca di trasgressione con i veri desideri. In fondo, quel che vuoi veramente lo sai solo tu.

    Fonti

    Lascia il tuo commento

    Non verrà mostrata nei commenti
    A Good Magazine - Newsletter
    è il contenuto che ti fa bene! Resta aggiornato sulle malattie digitali

    Ho letto e accetto le condizioni di privacy