Frullati di frutta: come unire salute e gusto?

Estate e frutta di stagione sono una combinazione vincente e salutare, si può dire lo stesso per il frullato?

Frullati Frutta Salutari

Sommario
    Tempo di lettura Tempo di lettura terminato
    0
    Time

    In estate è immancabile, che si tratti della colazione o della merenda, la voglia di un bel piatto di frutta fresca, ricca di vitamine, rivitalizzante, grazie ai tanti sali minerali e soprattutto dolcissima. Ma se parliamo di frullati di frutta possiamo comunque dire di stare assumendo qualcosa di salutare proprio come un piatto di frutta servita al naturale? Purtroppo no, spesso può succedere che eccedendo negli ingredienti si crei un frullato molto calorico, pesante e non propriamente salutare. Esistono quindi alcune regole da seguire per far sì che il frullato di frutta sia naturale, dolce al punto giusto e con poche calorie.

    • Scegli frutta di ottima qualità: è importante per la base del proprio frullato, frutta che sia stagionale, fresca e possibilmente proveniente da agricoltura biologica. La frutta biologica ti assicurerà di assumere un prodotto sul quale non sono stati utilizzati pesticidi, dannosi per la salute;
    • Scegli frutta con molta fibra: in questo modo aumenterai molto il senso di sazietà. Fondamentalmente tutta la frutta contiene fibra ma ci sono alcuni tipi che ne contengono di più. La banana, per esempio, spesso molto utilizzata nei frullati contiene meno fibre rispetto a kiwi, frutti di bosco, pesca e avocado;
    • Usa addensanti salutari: per rendere più cremoso il frullato non occorre per forza aggiungere un addensante di origine animale come latte, panna o yogurt. Alcuni frutti, grazie alla loro polpa consistente, sono in grado di rendere il frullato più denso. Frutta come mango, banana, albicocche e pesche, sono perfette per frullati corposi e vellutati. La bevanda alle mandorle, per la sua dolcezza, può essere aggiunta per amalgamare meglio il frullato, utilizzandola però anche in sostituzione dello zucchero. I semi di chia inoltre, ricchi di Omega3, possono essere utilizzati per questo scopo;
    • No allo zucchero: questo ingrediente deve essere eliminato dalla ricetta del frullato. Lo zucchero infatti è una sostanza molto pericolosa per la salute, che crea dipendenza al pari di alcol e fumo. Piuttosto scegli frutta molto dolce come datteri, prugne e uvetta. Se proprio non riesci a fare a meno della nota dolce e zuccherina sostituisci questo ingrediente con un cucchiaio di miele, con xilitolo, stevia, oppure con dello sciroppo d’agave;
    • Varia sempre e sperimenta: sempre il solito frullato può venire a noia, per questo occorre sempre variare tipi di frutta nel frullato. Inoltre, cambiando colori e sapori daremo la possibilità al nostro organismo di assimilare più sostanze nutritive diverse nel giro di pochi giorni.

    Giù nel mixer, cosa frullare?

    Il frullato è facile da fare e su questo non ci piove. Inoltre l’estate porta con sé una miriade di frutti succosi, zuccherini, e dalle innumerevoli proprietà! In questo modo non si hanno scuse, c’è così tanta scelta da non poter evitare la frutta in questa stagione. Quali sono quindi le combinazioni più salutari e gustose?

    • Frullato alla papaya per la digestione: ti senti stanco e spossato dal caldo torrido? La papaya è il frutto da scegliere. Tutti i suoi sali minerali aiutano a combattere gli stati di spossatezza donando energia e aiutando anche contro lo stress psico-fisico. Inoltre la papaina e il potassio aiutano nella digestione. Aggiungi della pesca per donare cremosità, semi di lino e zenzero per le proprietà antiossidanti e qualche fogliolina di menta per donare freschezza;
    • Frullato ai frutti rossi anti-age: un frullato a base di fragole, mirtilli e ciliegie può diventare un ottimo alleato contro l’invecchiamento della pelle. Questi frutti contengono antiossidanti, Vitamina E, Vitamina C, acidi grassi e Omega 3. A questo frullato puoi aggiungere mezzo avocado per la cremosità e per un booster di nutrienti e grassi “buoni”, semi di chia e il succo di mezzo limone per aumentare le vitamine;
    • Frullato al mango per il sistema immunitario: anche nel mango le Vitamine sono presenti in elevate quantità, tra le quali spiccano la Vitamina C, il beta-carotene (ottimo per la protezione e la salute della pelle) e il retinolo. Un frullato che ha come base questo frutto aiuta a rinforzare il sistema immunitario. Aggiungi melone e ananas per un tocco più esotico, dell’acqua di cocco o del latte di mandorla per la parte più dolce;
    • Frullato detox banana e curcuma: un’ottima combinazione per alleggerire il fegato, combattere ansia e stress e depurare l’organismo. La banana, ricca di triptofano, aiuta a ritrovare il buonumore, mentre la curcuma, aiuta il fegato a depurarsi proprio grazie alla curcumina che ha un potere antinfiammatorio e antiossidante;
    • Frullato al cacao per soddisfare la golosità: chi l’ha detto che un frullato di frutta non possa essere comunque po’ cioccolatoso? Il cacao è alleato di cuore e cervello, ricco di serotonina, fa bene all’umore e all’organismo. Per questo non c’è niente di male ad aggiungere nel mixer cacao amaro, pesche o susine, un po’ di stevia e un po’ di latte di riso. In questo modo otterrai un frullato sano ma che non deluderà le tue papille gustative;
    • Frullati che passione e quanta salute.

    In definitiva i frullati possono essere degli ottimi spuntini, soprattutto se ci si aggiunge una parte proteica, capaci di farci sentire sazi e soddisfatti senza un utilizzo smodato di addensanti artificiali e zuccheri. Il frullato può diventare un’ottima abitudine se non si è amanti della frutta in pezzi o se si fa fatica ad introdurre questo alimento nella dieta di un bambino. Può essere un modo per rinfrescarsi in estate, quando è più facile perdere liquidi e sentirsi molto spossati. Se si soffre di diabete è importante però conoscere quali tipi di frutta possono essere utilizzati e soprattutto in che quantità.

    Lascia il tuo commento

    Non verrà mostrata nei commenti
    A Good Magazine - Newsletter
    è il contenuto che ti fa bene! Resta aggiornato sulle malattie digitali

    Ho letto e accetto le condizioni di privacy