Il Pentagono ha sviluppato un microchip sottopelle che rileva il COVID

In un'intervista a ‘60 Minutes’, i ricercatori del Pentagono hanno affermato di aver creato un microchip che rileverà il COVID-19 e altre tecnologie per combattere la malattia

Microchip sotto pelle

Microchip sotto pelle

Sommario
    Tempo di lettura Tempo di lettura terminato
    0
    Time

    I ricercatori medici del Pentagono hanno creato un microchip che, inserito sotto la pelle, rileverà il COVID-19.

    Rilassatevi, teorici della cospirazione: non vengono diffusi tramite i vaccini.

    Secondo quanto riportato dalla trasmissione di domenica sera ‘60 Minutes’, la tecnologia rivoluzionaria è stata sviluppata dalla Defense Advanced Research Projects Agency, che opera sotto l’egida del Pentagono. L’unità top-secret è stata creata durante la Guerra Fredda per studiare le tecnologie emergenti per uso militare, tra cui le innovazioni per difendere i soldati dalle armi biologiche.

    Il dottor Matt Hepburn, medico di malattie infettive e colonnello dell’esercito in pensione, ha rivelato che il microchip, non diffuso su larga scala al di fuori del Dipartimento della Difesa, potrebbe rilevare COVID-19 in un individuo ben prima che un paziente zero generi un’epidemia. ‘Sfidiamo la comunità di ricerca a trovare soluzioni da fantascienza’, ha affermato Hepburn, il cui ruolo in DARPA, ha aggiunto, è ‘spazzare via le pandemie’. Hepburn ha confrontato il proprio microchip diagnostico all’avviso “controlla motore” di un’auto.

    Nonostante le teorie cospirative che affermano che Bill Gates di Microsoft stia usando i vaccini come veicolo per inserire un sistema di posizionamento globale microscopico nei nostri corpi, a ‘60 Minutes’ è stato chiarito che il chip della DARPA non ‘traccia ogni tua mossa’. Né viene somministrato tramite iniezioni, come hanno pensato alcuni aspiranti investigatori di Twitter. ‘È un sensore’, ha detto Hepburn al corrispondente della CBS Bill Whitaker. ‘Quella piccola cosa verde lì dentro, la metti sotto la pelle e quello che ti dice è se ci sono reazioni chimiche in corso all’interno del corpo. Quel segnale significa che domani avrai sintomi’.

    Il microchip, avvolto in una specie di gel, è progettato per testare continuamente il sangue del destinatario del chip sulla presenza del virus. Una volta rilevato il COVID-19, il chip avvisa il paziente di sottoporsi a un rapido esame del sangue, che può essere auto-somministrato, per confermare lo stato di positività. ‘Possiamo avere queste informazioni in tre o cinque minuti’, ha detto Hepburn. ‘Riducendo il tempo, diagnosticandolo e trattandolo, si ferma l’infezione sul nascere’.

    È stata anche rivelata una tecnologia che consentirebbe a una macchina per dialisi standard di rimuovere COVID-19 dal sangue utilizzando un filtro personalizzato. Il sangue viene fatto passare attraverso la macchina, dove viene disintossicato, quindi pompato nuovamente nel corpo in un flusso continuo fino a quando il corpo non si libera del virus. Un coniuge di un militare soprannominato “Paziente 16” è sopravvissuto a un grave attacco della malattia, inclusi insufficienza d’organo e shock settico, grazie alla nuova macchina per dialisi. Il trattamento è durato quattro giorni, dopodiché il “Paziente 16” si è completamente ristabilito.

    Gli scienziati della DARPA affermano che la loro ricerca è di fondamentale importanza per prevenire le epidemie in quartieri militari affollati, come quella avvenuta sulla USS Theodore Roosevelt a marzo e aprile 2020, che ha visto 1.271 compagni di equipaggio positivi al coronavirus. I ricercatori del Pentagono continuano a studiare il COVID-19 e gran parte della loro ricerca è stata fondamentale per fermare la pandemia, inclusi nuovi metodi di rilevamento e sviluppo di anticorpi in circa 10 settimane, una frazione dei 6-24 mesi precedentemente richiesti. Sperano, infine, di colmare il divario tra il rilevamento di nuove malattie e lo sviluppo di vaccini.

    Alla fine, ha detto lo scienziato della DARPA, il dottor James Crowe, ‘Partiremmo da un campione di sangue di un sopravvissuto … e vi faremo un’iniezione della cura entro 60 giorni’. ‘Per noi, alla DARPA, se gli esperti stanno ridendo di te e dicono che è impossibile, sei nel posto giusto’, ha detto Hepburn.

    Qui il testo in lingua originale.

    Lascia il tuo commento

    Non verrà mostrata nei commenti
    A Good Magazine - Newsletter
    è il contenuto che ti fa bene! Resta aggiornato sulle malattie digitali

    Ho letto e accetto le condizioni di privacy